L’acqua: il miglior alleato per le gambe

E’ consigliabile bere 1,5-2lt di acqua al giorno che permette una buona diuresi ed un eliminazione di sostanze tossiche e di rifiuto. Per chi soffre di ritenzione idrica è controindicato bere acque ricche di na ed è preferibile scegliere acque oligominerali che oltre al rapido assorbimento gastrico aiutano ad eliminare attraverso le urine i liquidi trattenuti dai tessuti.

Le dosi consigliate variano tra l’1,5 e i 2 litri per un totale di circa 8 bicchieri da suddividere durante la giornata pasti esclusi. Secondo uno studio condotto dalla Ferris State University del Michigan si tratta di un quantitativo più che sufficiente per la maggior parte delle persone ma, in casi di particolari patologie come ad esempio per quanto riguarda la cellulite, è fondamentale non arrivare mai al punto in cui si senta lo stimolo della sete.

Uno dei compiti del fegato è quello di bruciare le calorie convertendo il grasso in energia spendibile dall’organismo. Analisi condotte dal dipartimento Health and Wellness della Ferris State University hanno dimostrato che un corretto funzionamento del fegato porta automaticamente ad una stabilizzazione del peso e ad un controllo della massa adiposa. Perché quest’organo funzioni al meglio i fattori che entrano in gioco sono molteplici ma uno di quelli fondamentali è un corretto funzionamento dei reni con i quali svolge un lavoro sinergico. Per questo una buona idratazione è alla base del processo di eliminazione della cellulite: se si mantiene un costante apporto di acqua che viene filtrata dai reni, il fegato lavorerà in modo corretto iniziando a smaltire il grasso in eccesso, compreso quello accumulato a livello cellulare. L’acqua inoltre rafforzerà il collagene della pelle andando a ridurne l’aspetto grumoso.

Bere acqua inoltre può contribuire ad aumentare il metabolismo corporeo aiutando quindi l’eliminazione dei grassi in eccesso e diminuendo la percentuale di cellulite che si è accumulata. Secondo lo studio pubblicato nel “Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism” condotto dai ricercatori del Franz Volhard Clinical Research Centre in Germania è stato osservato che le persone che bevevano in modo costante circa 2 litri d’acqua al giorno vedevano aumentare di circa il 30% il proprio tasso metabolico

Sfatiamo il mito di bere lontano dai pasti……

Non è vero che l’acqua deve essere bevuta fuori dei pasti. Se qualcuno ne beve troppa, al limite si prolungano i tempi della digestione perchè i succhi gastrici saranno più diluiti, ma un’adeguata quantità è utile per migliorare la consistenza dei cibi ingeriti.

I commenti sono chiusi